a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z #

Fotografie, lettera A

A caccia di marmotte

A caccia di marmotte

I cacciatori Arno Fisler (a sinistra) e Arturo Vassella in zona Sassalbo.

101292
A spasso in carrozzina

A spasso in carrozzina

Dora Olgiati (a destra) e Berta Olgiati-Kiener con la figlia Erica in carrozzina.

100985
A sud della Palü Granda

A sud della Palü Granda

Passo del Bernina, un tratto di strada sul versante sud fra La Motta e la Palü Granda. Sullo sfondo da sinistra: la Scima da Saoseo, la Scima da Rügiul, il Piz dal Teo, il Piz Sena e il Sassalb.

100464
Abolizione del divieto di circolazione nel comune di Poschiavo

Abolizione del divieto di circolazione nel comune di Poschiavo

Ospizio Bernina, 3 luglio 1927: un gruppo di valposchiavini festeggia l'abolizione del divieto di circolazione per le automobili sulle strade del comune di Poschiavo decretato il 1° luglio 1927.

100960
Abolizione del divieto di circolazione nel comune di Poschiavo

Abolizione del divieto di circolazione nel comune di Poschiavo

Ospizio Bernina, 3 luglio 1927: un gruppo di valposchiavini festeggia l'abolizione del divieto di circolazione per le automobili sulle strade del comune di Poschiavo decretato il 1° luglio 1927.

100960
ACP in terza divisione

ACP in terza divisione

Squadra della ACP, l'Associazione Calcistica Poschiavina fondata nel 1957, nel 1969-1970 in occasione della promozione in 3a divisione.
Prima fila davanti, da sinistra: Renato Sala, Tullio Menghini, Carlo Paganini, Firmino Vezzoli, Franco Bordoni.
Seconda fila in alto: Remo Olgiati, Marco Zala, Carlo Zanetti, Marcello Pola, Franco Vassella, Franco Paganini, Pietro Cathieni.

100937
Adolfo Semadeni

Adolfo Semadeni

Adolfo Semadeni (1860-1941), marito di Eugenia Olzà (1864-1923).

101806
Adolfo Semadeni

Adolfo Semadeni

Adolfo Semadeni (1860-1941), marito di Eugenia Olzà (1864-1923).

101807
Adolfo Semadeni

Adolfo Semadeni

Adolfo Semadeni (1860-1941) in servizio militare.

101808
Al lavoro nei campi

Al lavoro nei campi

Famiglia al lavoro nei campi a Campocologno. Sul campanile della chiesa, costruita nel 1914, non c'è ancora l'orologio, installato solo nel 1937.

100239
Al lavoro nei campi

Al lavoro nei campi

Romano Sem al lavoro nei campi a S. Carlo.

100849
Albergo Cambrena, Ospizio Bernina

Albergo Cambrena, Ospizio Bernina

Ospizio Bernina, costruzione dell'Albergo Ristorante Cambrena a 2'300 m s.l.m. nei pressi della cima del passo del Bernina. Vista da nord.

100146
Alfonso Ragazzi

Alfonso Ragazzi

Alfonso Ragazzi.

101587
Alfred Sarasin

Alfred Sarasin

Il banchiere Dr. h.c. Alfred Sarasin (1865-1953), presidente del Consiglio di amministrazione della società idroelettrica Forze Motrici Brusio (ora Repower).

101240
All'aperto

All'aperto

Bambino all'aperto.

101871
All'aratro

All'aratro

Sandro Passini guida il cavallo che traina l'aratro. Sullo sfondo il nucleo compatto del vecchio paesino di Angeli Custodi.

100499
Alla fontana a Li Mason

Alla fontana a Li Mason

Guido Semadeni a Li Mason con il suo mulo ed alcuni bambini attorno alla fontana, fulcro delle attività del paesino.

101123
Alla stazione di Poschiavo

Alla stazione di Poschiavo

In attesa del treno alla vecchia stazione di Poschiavo. In secondo piano il deposito dei bagagli.

101698
Alluvione 1987

Alluvione 1987

Vista da nord su Privilasco e Poschiavo. Il 18 e 19 luglio 1987, in seguito a un lungo periodo di piogge intense e temperature elevate fino ad alta quota, la Valposchiavo è stata colpita da un'alluvione che ha causato ingenti danni.
È soprattutto il borgo di Poschiavo ad aver subito le conseguenze maggiori, invaso dalle acque del fiume Poschiavino e dal materiale trasportato a valle in particolare dal torrente della Val Varuna. La furia dell'acqua ha distrutto argini, sommerso campi, inghiottito strade, sventrato case.

100651
Alluvione 1987

Alluvione 1987

Poschiavo, vista da ovest sul quartiere Cimavilla. Il 18 e 19 luglio 1987, in seguito a un lungo periodo di piogge intense e temperature elevate fino ad alta quota, la Valposchiavo è stata colpita da un'alluvione che ha causato ingenti danni.
È soprattutto il borgo di Poschiavo ad aver subito le conseguenze maggiori, invaso dalle acque del fiume Poschiavino e dal materiale trasportato a valle in particolare dal torrente della Val Varuna. La furia dell'acqua ha distrutto argini, sommerso campi, inghiottito strade, sventrato case.

100652
[12 3 4 5  >>